Tu sei qui: Home Aree tematiche Tasse, tributi e imposte Notizie Imu, Tasi e Tari per i contribuenti pensionati e residenti all'estero

Imu, Tasi e Tari per i contribuenti pensionati e residenti all'estero

Introduzione

L’art. 9-bis, comma 1, del decreto-legge 28 marzo 2014, n. 47, disciplinando l’IMU sugli immobili dei contribuenti residenti all’estero, ha disposto due importanti novità: a partire dal 2014 (compreso), è stata tolta al Comune la facoltà di considerare direttamente adibita ad abitazione principale la casa posseduta da cittadini italiani non residenti in Italia, a condizione che essa non fosse locata; a partire dal 2015 (compreso), viene considerata direttamente adibita, per legge, ad abitazione principale una sola abitazione posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia da cittadini italiani non residenti in Italia e iscritti all’AIRE, già pensionati nei rispettivi Paesi di residenza, purché la casa non sia locata ovvero concessa in comodato d’uso. Inoltre, il 2° comma dell’art. 9-bis del DL n. 47/2014 ha disposto che per la sola abitazione posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia da cittadini italiani non residenti in Italia e iscritti all’AIRE, già pensionati nei rispettivi Paesi di residenza, non locata ovvero non concessa in comodato d’uso, la TARI e la TASI debbano essere applicate in misura ridotta di 2/3.

Le condizioni necessarie per l'assimilazione dell'immobile all'abitazione principale

Le condizioni per considerare adibiti ad abitazione principale gli immobili in esame sono le seguenti:

a) l’agevolazione attiene a una sola abitazione che il contribuente, cittadino italiano, possieda in Italia, a titolo di proprietà o di usufrutto

b) l’abitazione posseduta in Italia, a titolo di proprietà o di usufrutto, non deve essere locata, ovvero concessa in comodato d’uso;

c) il contribuente deve essere iscritto all’AIRE (Anagrafe degli italiani residenti all’estero); d) il contribuente deve essere pensionato nel Paese di residenza (si precisa che lo Stato estero che eroga la pensione debba essere lo stesso nel quale il contribuente ha la residenza). Al fine di agevolare il contribuente e l'ufficio stesso abbiamo predisposto uno specifico modello che può essere utilizzato per richiedere le agevolazioni suddette.