Tu sei qui: Home Aree tematiche Servizi Demografici Informazioni utili Residenza in tempo reale: iscrizione nel Comune di Monzuno

Residenza in tempo reale: iscrizione nel Comune di Monzuno

Modifiche introdotte dalla legge n.35 del 4 aprile 2012

L'art. 5 del decreto-legge 9 febbraio 2012 n. 5, convertito in legge 4 aprile 2012 n. 35, introduce nuove disposizioni in materia anagrafica, riguardanti le modalità con le quali effettuare le dichiarazioni anagrafiche di:

  • Iscrizione anagrafica con provenienza da altro comune
  • Iscrizione anagrafica dall'estero
  • Cambio di abitazione all'interno del Comune

I cittadini che intendono iscriversi all'anagrafe del Comune con provenienza da altro Comune Italiano, dall'Estero o semplicemente un cambio di abitazione all'interno del Comune stesso, devono rendere le dichiarazioni anagrafiche attraverso la compilazione di moduli ministeriali, disponibili anche in questa pagina, compilati in tutte le parti indicate come obbligatorie completa di tutti gli allegati indicati.

Documentazione da allegare

Alla dichiarazione anagrafica occorre allegare copia del documento di identità del richiedente e delle persone che trasferiscono la residenza unitamente al richiedente che, se maggiorenni, devono sottoscrive il modulo.
Il richiedente deve compilare il modulo per sè e per le persone sulle quali esercita la potestà o la tutela.
Il cittadino proveniente da uno Stato estero, ai fini della registrazione in anagrafe del rapporto di parentela con altri componenti della famiglia, deve allegare la relativa documentazione, in regola con le disposizioni in materia di traduzione e legalizzazione dei documenti.
Inoltre:

Modalità di presentazione

I Cittadini potranno presentare le dichiarazioni anagrafiche con le seguenti modalità:

Invio telematico

l'invio della dichiarazione in modalità telematica è consentita ad una delle seguenti condizioni:

  1. che la dichiarazione sia sottoscritta con firma digitale;
  2. che la dichiarazione sia trasmessa attraverso la casella di posta elettronica certificata del dichiarante;
  3. che la copia della dichiarazione recante la firma autografa del richiedente sia acquisita mediante scanner e trasmessa tramite posta elettronica semplice.

Sarà quindi possibile trasmettere le istanze attraverso il proprio indirizzo di posta elettronica certificata, oppure, in mancanza della PEC, attraverso la e-mail personale, avendo comunque cura di allegare la scansione della dichiarazione autografa nel caso in cui la stessa non sia firmata digitalmente.
La dichiarazione per essere accettata deve contenere necessariamente tutti i dati obbligatori previsti nell'apposito modulo.

Conseguenze in caso di dichiarazioni mendaci

In caso di dichiarazioni non corrispondenti al vero, si applicano gli articoli 75 e 76 del D.P.R. n. 445/2000, i quali dispongono rispettivamente la decadenza dei benefici acquisiti per effetto della dichiarazione nonchè il rilievo penale della dichiarazione mendace. L'Ufficio Anagrafe effettuerà apposita segnalazione alle Autorità di Pubblica Sicurezza delle discordanze tra le dichiarazioni rese dagli interessati e gli esiti degli accertamenti esperiti.

Procedura successiva dell'Ufficio Anagrafe

A seguito della dichiarazione resa, l'Ufficiale d'Anagrafe procederà entro i due giorni lavorativi successivi a registrare le conseguenti variazioni, con decorrenza dalla data di presentazione delle dichiarazioni stesse.
L'Ufficiale d'Anagrafe, entro 45 giorni dalla data di presentazione della dichiarazione, dispone accertamenti per la verifica della dimora abituale e la regolarità della documentazione presentata. Entro lo stesso termine deve comunicare al cittadino interessato l'eventuale esito negativo.
Se, decorso tale termine, il cittadino non riceve nessuna comunicazione da parte del Comune, l'iscrizione anagrafica si considera confermata, con applicazione della regola del silenzio-assenso.

Dichiarazione di trasferimento residenza all'estero
Il richiedente, cittadino italiano, che intende trasferire la residenza all'estero per un periodo superiore a 12 mesi, può:

  • dichiarare il trasferimento di residenza all'estero direttamente al Consolato;
  • prima di espatriare può rendere tale dichiarazione al Comune Italiano di residenza, utilizzando l'apposito modello ministeriale, disponibile anche in questa pagina.

In questo caso il cittadino ha l'obbligo di recarsi comunque entro 90 giorni dall'arrivo all'estero al Consolato di competenza per rendere la dichiarazione di espatrio.
A seguito della presentazione o invio della dichiarazione di trasferimento di residenza all'estero, il richiedente non cittadino italiano, sarà cancellato dall'anagrafe del comune di residenza per emigrazione all'estero.

Vai alla modulistica