Tu sei qui: Home Aree tematiche Servizi Demografici Informazioni utili Matrimonio civile e religioso - Pubblicazioni e celebrazione

Matrimonio civile e religioso - Pubblicazioni e celebrazione

Il matrimonio è l'istituto con cui, nell'ordinamento italiano, viene formata una famiglia. Dal matrimonio discendono diritti e doveri per i coniugi.
In base alla normativa italiana, il matrimonio con effetti civili può essere celebrato civilmente o davanti ad un ministro di un culto ammesso dallo Stato.
La normativa impone, prima del matrimonio, la pubblicazione di matrimonio, un procedimento con cui si accerta che non sussistano impedimenti legali alla celebrazione del matrimonio stesso.

Requisiti di accesso

Le modalità per le pubblicazioni di matrimonio e per la celebrazione dello stesso differiscono a seconda del tipo di matrimonio, civile o religioso, e delle condizioni dei nubendi.

Matrimonio civile - Pubblicazioni

I nubendi devono prendere contatto con l'Ufficio di Stato Civile del Comune di residenza (non di matrimonio). Qualora i nubendi risiedano in Comuni diversi, possono richiedere le pubblicazioni indifferentemente a uno dei due Comuni.
Se i nubendi sono entrambi italiani, devono semplicemente comunicare i propri dati anagrafici e un proprio recapito telefonico; i documenti verranno acquisiti d'ufficio.
Se invece uno o entrambi i nubendi sono stranieri, occorre che ognuno di essi fornisca all'Ufficio di Stato Civile:

  • Certificato di nascita in lingua originale con traduzione in italiano legalizzata presso l'Ambasciata o il Consolato italiano del Paese di nascita
  • Nulla osta al matrimonio rilasciato dall'Ambasciata o dal Consolato in Italia del Paese di cittadinanza

Una volta acquisiti i documenti, verrà concordata una data per la redazione e la firma del verbale di pubblicazioni. I nubendi devono presentarsi con:

  • 1 marca da bollo da 16 € se entrambi residenti nel Comune di pubblicazione;
  • 2 marche da bollo da 16 € ognuna se almeno uno non è residente nel Comune di pubblicazione (entrambe le marche verranno applicate sulla pubblicazione, che sarà richiesta anche all'altro Comune con assolvimento automatico dell'imposta)

Le pubblicazioni devono essere affisse all'Albo Pretorio per 8 giorni consecutivi; in seguito, l'atto deve rimanere in deposito presso l'Ufficio di Stato Civile per 3 giorni consecutivi, per le eventuali opposizioni. Qualora almeno un nubendo non sia residente, occorre attendere anche la comunicazione di avvenuta pubblicazione da parte dell'altro Comune.

Matrimonio religioso - Pubblicazioni

In aggiunta a quanto sopra indicato per il matrimonio civile, per le pubblicazioni occorre la richiesta di pubblicazione del ministro del culto. Nel caso di matrimonio cattolico concordatario, la richiesta deve essere firmata dal Parroco della parrocchia di appartenenza di almeno uno dei due nubendi, o da altro Parroco del territorio comunale.
Inoltre, una volta completata la pubblicazione, i nubendi verranno contattati per ritirare il certificato di nulla osta al matrimonio, da consegnare al ministro del culto che ha richiesto le pubblicazioni civili (che può non coincidere con quello incaricato della celebrazione).

Matrimonio civile - Celebrazione

Il matrimonio può essere celebrato solo dopo la conclusione del procedimento di pubblicazione (12° giorno dalla stessa, o qualche giorno dopo nel caso di pubblicazione anche in altro Comune) e non oltre il 180° giorno dall'inizio della pubblicazione (trascorso tale periodo, la pubblicazione si considera come non avvenuta).
Il matrimonio può essere celebrato dal Sindaco, da un pubblico ufficiale da lui delegato alla celebrazione o da un Ufficiale di Stato Civile. La data va dunque concordata con il celebrante e con l'Ufficio di Stato Civile, tenendo conto che i matrimoni possono essere celebrati da lunedì a sabato dalle 9.00 alle 12.00 e giovedì dalle 15.00 alle 17.00, e non possono essere celebrati in giorni festivi domenicali o infrasettimanali.
Con almeno qualche giorno di anticipo rispetto alla data fissata per il matrimonio, i nubendi devono comunicare all'Ufficio di Stato Civile:

  • dati anagrafici e di residenza dei testimoni (che non devono essere più di due)
  • scelta della comunione o della separazione dei beni nei rapporti patrimoniali

 

Matrimonio religioso - celebrazione

Il matrimonio può essere celebrato dal ministro del culto negli stessi termini temporali dall'avvenuta pubblicazione (non oltre 180 giorni dopo la stessa).

Tempi di erogazione

I tempi per la pubblicazione e per la celebrazione del matrimonio sono quelli indicati sopra. Dal momento che i tempi effettivi dipendono dall'acquisizione di documenti presso uffici di altri Comuni, si richiede comunque di comunicare all'Ufficio di Stato Civile l'intenzione di contrarre matrimonio con congruo anticipo.

Vai alla modulistica