Tu sei qui: Home Aree tematiche Ambiente e territorio Notizie Ambiente e territorio Zanzara tigre: distribuzione prodotto biologico

Zanzara tigre: distribuzione prodotto biologico

Il prodotto è innocuo per l'uomo, gli animali e l'ambiente

La zanzara tigre è presente anche sul nostro territorio, i trattamenti sull’insetto adulto producono scarsi risultati. occorre combattere le larve prima che diventino insetti alati.
Le larve di zanzara si sviluppano in tutti i contenitori d’acqua.

Il Comune esegue trattamenti periodici a tombini e caditoie pubbliche in vie, piazze e giardini ma è necessario integrarli sul suolo privato eliminando o vuotando settimanalmente tutti i recipienti all’aperto ad esempio sottovasi, bidoni, secchi e annaffiatoi. Il prodotto si deve usare settimanalmente, fino ad ottobre

La distribuzione gratuita ai cittadini, avverrà:

  • a VADO, in delegazione Comunale, mercoledì 8 MAGGIO 2019 dalle ore 8:30 alle ore 10:30
  • a RIOVEGGIO, Ex Scuole Elementari, mercoledì 8 MAGGIO 2019 dalle ore 11:00 alle ore 12:00

Il Comune esegue trattamenti periodici a tombini e caditoie pubbliche in vie, piazze e giardini ma è necessario integrarli sul suolo privato eliminando o vuotando settimanalmente tutti i recipienti all’aperto ad esempio sottovasi, bidoni, secchi e annaffiatoi.
L’URP del Comune (uffici di Monzuno e Vado) disporrà del prodotto per tutta la stagione.
Per ogni edificio verrà fornita una dotazione di prodotto ed è pertanto opportuno che il prodotto venga ritirato da un solo referente.

9 domande frequenti sulla zanzara tigre

A cura di Dipartimento di Sanità Pubblica Azienda USL e SIREB s.a.s.

1 – Contro la Zanzara Tigre valgono i rimedi usati per le zanzare comuni?

Solo i repellenti cutanei a base di DEET si sono mostrati efficaci 1-2 ore per allontanare la Zanzara Tigre; l’utilizzo sui bambini però deve essere solo occasionale, mai prolungato per giorni consecutivi. Meno utili sono gli oli essenziali di origine vegetale. A nulla valgono i repellenti ad ultrasuoni e le trappole a luce ultravioletta.

2 – Le Zanzare Tigre nascono sugli alberi?

No, anche se molte persone hanno questa convinzione. Tutte le zanzare nascono in acqua, in particolare la “Tigre” nasce solo nell’acqua di sottovasi, barattoli, bidoni, teli in plastica, secchi, tombini e qualsiasi altro tipo di contenitore.

3 – Dove si rifugiano?

Le Zanzare Tigre adulte volano in basso e si rifugiano in siepi, cespugli, erba, fioriere, etc., soprattutto in giardini ombrosi ed innaffiati di frequente. Vivono per 3-4 settimane e restano nel raggio di poche centinaia di metri dal luogo di nascita.

4 – Perché sono così fastidiose?

Perché pungono di giorno provocando ponfi molto pruriginosi, soprattutto a caviglie e gambe. Se entrano in un ambiente chiuso vi restano e pungono ripetute volte, quindi anche 1-2 individui possono creare molto disagio.

5 – Al momento della puntura, la Zanzara Tigre può trasmettere malattie?

Il rischio è attualmente presente solo nei Paesi Tropicali, dove l’insetto trasmette la dengue, la febbre gialla, la west-Nyle fever e parecchie altre arbovirosi.

Non vi è invece mai trasmissione dei virus delle epatiti virali B e C o dell’HIV-AIDS.

6 – Non è possibile debellare completamente la Zanzara Tigre utilizzando insetticidi più potenti di quello biologico (disponibile presso il Comune e in Farmacia)?

I prodotti biologici contro le larve hanno esattamente la stessa efficacia di quelli chimici, in più sono assolutamente sicuri per l’uomo e per gli animali e totalmente innocui per l’ambiente. Invece i trattamenti contro gli adulti (spruzzando in aria e sul verde insetticidi chimici), oltre a dare un sollievo solo temporaneo, agiscono anche contro altre forme di vita causando un danno all’ecosistema. Occorre dunque potenziare la prevenzione nelle aree private, svuotando od eliminando tutti i contenitori d’acqua di giardini, cortili e piazzali privati ed utilizzando i prodotti biologici nei tombini.

7 – I fili di rame nell’acqua sono efficaci?

Possono essere efficaci (ma non sempre lo sono) solo nelle piccole raccolte d’acqua non eliminabili (ad esempio i vasi da fiori dei cimiteri), nel quantitativo di almeno 20 grammi di filo di rame per ogni litro d’acqua.

8– Sono previste sanzioni per chi non effettua i trattamenti di prevenzione (ovvero eliminare i contenitori d’acqua e trattare i tombini cortilivi)?

Tutte le amministrazioni pubbliche hanno emesso Ordinanze che prevedono sanzioni pecuniarie contro chi non si attiva per la lotta alle zanzare. I tecnici preposti effettuano una sorveglianza continua sull’ambiente e possono in tali occasioni comminare le sanzioni previste.

9 – È possibile pensare di debellare completamente le zanzare dalle città?

Non è verosimile che l’uomo possa eliminare completamente le zanzare dalle zone abitate; dobbiamo invece lavorare per ridurre il più possibile il loro numero. Per ottenere questo, è utile che i cittadini comunichino tra loro, per trasmettere le presenti informazioni e cambiare così le abitudini domestiche di tutta la popolazione.

Scarica il documento completo